Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy e cookies policy cliccando su "Leggi di più".

Proseguendo nella navigazione, si accetta l'uso dei cookies, in caso contrario è possibile abbandonare il sito

Premiazioni Concorso "Io dono positivo" - 19.01.2019

Due istituti scolastici (Liceo artistico Giacomo e Pio Manzù di Bergamo, Istituto Caterina Caniana di Bergamo), cinque classi e 111 studenti sono stati coinvolti nel project work dell’alternanza scuola lavoro promossa da Avis provinciale Bergamo, l’associazione dei donatori di sangue guidata da Artemio Trapattoni.  Obiettivo: realizzare una campagna di comunicazione per sensibilizzare alla donazione di sangue, e ampliare, il target tra i 18 e i 25 anni che rappresenta l’11% dei circa 38.000 avisini.

L’impegno di Avis tra i giovani e nelle scuole – oltre al project work dedicato alla comunicazione sociale c’è anche la campagna avviata sulle malattie a trasmissione sessuale – quest’anno varcherà i confini orobici. “Sono esperienze significative che stanno raggiungendo ottimi risultati e che il prossimo anno scolastico esporteremo a livello regionale”, ha assicurato il presidente di Avis Lombardia, Oscar Bianchi.

“Un percorso virtuoso quello proposto dall’alternanza scuola lavoro - ha commentato il presidente di Avis provinciale Bergamo, Artemio Trapattoni - che rispecchia il modo di operare di Avis. Ci poniamo un obiettivo e, attraverso il confronto, troviamo insieme le soluzioni per raggiungerlo”.

“Siete dotati di capacità formidabili, testimoniate anche da questi lavori. Continuate a lavorare sul concetto di gratuità e dono che stanno alla base di ogni convivenza civile”.  E’ stato l’invito di Guglielmo Benetti, referente dell’Ufficio scolastico provinciale per il volontariato e Maria Carolina Marchesi, assessore alla Coesione sociale del Comune di Bergamo, intervenuti alla cerimonia di premiazione a cui hanno partecipato anche le referenti del Gruppo Avis Giovani, Silvia Ghilardi e Mirella Francioni.

Due i vincitori: per la sezione Video il premio è stato attribuito a Lara Ongis e Miryea Crippa del Liceo artistico Giacomo e Pio Manzù di Bergamo, mentre per la sezione Grafica a salire sul podio più alto è ancora il Liceo Manzù grazie a Alice Pozzi.

Due anche le menzioni: Giorgio Ferrari (video) e Gabriele Beretta (grafica), entrambi dell’Istituto Caniana. Un riconoscimento è stato attribuito a tutte e cinque le classi partecipanti.

La Giuria (composta da Giovanna Russo, grafica, Federico Tacchini videomaker, Annibale Pinotti, esperto di alternanza scuolalavoro, Francesca Monzani - Ufficio Comunicazione Avis Prov. Bg, Cristina Albertoni - Direttore Associativo Avis Prov. Bg) ha selezionato inoltre le dodici opere che compongono il calendario 2019 di Avis provinciale Bergamo che, oltre ai vincitori, può contare anche sui lavori di Cristina Angulo, Fatima Beccalli, Luca Ghilardi, Giada Moioli, Andrea Parolin, Matteo Polge, Samuele Sangalli, Ilaria Verderosa, Marco Zambonelli.