Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti.

Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy e cookies policy cliccando su "Leggi di più".

Proseguendo nella navigazione, si accetta l'uso dei cookies, in caso contrario è possibile abbandonare il sito

Politica per la qualità

Politica per la qualità.

La Direzione dell’AVIS Provinciale di Bergamo ritiene strategica l’adozione e l’efficace mantenimento di un Sistema di Gestione per la Qualità secondo le recenti normative UNI EN ISO 9001:2015, quale strumento moderno ed efficace di gestione delle attività che permetterà di rafforzare il rapporto con i clienti, identificabili nei SIMT appartenenti al DMTE della provincia di Bergamo e nei propri soci ,ad ulteriore garanzia della salute degli stessi e del malato che necessita di supporto trasfusionale.

La Direzione è convinta della scelta fatta ed intende adottarla in quanto inscindibile da quelli che sono i principi etici e morali alla base dell’organizzazione.

In linea con gli obiettivi dell’Associazione Nazionale e Regionale, AVIS Provinciale di Bergamo agisce al fine di:

  • Garantire l’autosufficienza di sangue e plasma nella Provincia di Bergamo e collaborare con l’ente Regione per il raggiungimento dell’autosufficienza nazionale.
  • Verificare attentamente le esigenze ospedaliere, anche implementando nuove modalità di donazione.
  • Promozione della donazione di sangue ai fini di incrementare il numero dei donatori periodici e le donazioni di sangue e di emocomponenti da aferesi gestite presso le sue sedi accreditate: la Unità di Raccolta di Bergamo e le articolazioni organizzative periferiche dislocate sul il territorio della Provincia.
  • Soddisfare le potenzialità donazionali della popolazione bergamasca con particolare riguardo alle donazioni di plasma ed emocomponenti adottando strategie adeguate e rispettose dei decreti che regolano l’attività trasfusionale.
  • Potenziare la propria capacità di raccolta attraverso il miglioramento qualitativo delle Unità di Raccolta e delle proprie Articolazioni Periferiche, mantenendo l’accreditamento Istituzionale.
  • Garantire il diritto alla tutela della salute del donatore di sangue ed emocomponenti e del ricevente attraverso uno screening accurato dei donatori, per tramite di progetti di prevenzione e verifica costante della salute.
  • Contribuire, in particolare con la nomina di propri referenti nei Comitati per il buon uso del sanue delle ASST (CoBUS) a sostenere e migliorare la medicina trasfusionale sul territorio bergamasco, promuovendo e supportando le attività specifiche dei servizi trasfusionali pubblici anche a domicilio.
  • Creare sinergie con gli enti ed istituti di ricerca per realizzare studi statistico – epidemiologici in ambito sanitario.
  • Creare, attraverso corsi di formazione rivolti al personale ed agli associativi, un “manuale di buona pratica del rapporto con il donatore”; per la formazione del personale AVIS Prov.le Bergamo si avvale come provider ECM di AVIS Regionale.
  • Soddisfare il SIMT dell’Azienda Ospedaliera convenzionata attraverso il monitoraggio continuo del Sistema implementato e ponendo attenzione alle eventuali indicazioni ricevute ed ai reclami pervenuti.
  • Garantire le attività cogenti a livello legislativo a tutela della sicurezza dei luoghi di lavoro e sorveglianza sanitaria del personale impiegato per l’attività di raccolta.

È altresì obiettivo specifico della Direzione mantenere il riconoscimento, da parte di un ente di certificazione riconosciuto a livello europeo, che il S.Q. messo in atto sia conforme alla norma europea UNI-EN-ISO 9001:2015.

Profonda attenzione è data alla motivazione delle risorse, consapevoli del fatto che un'organizzazione vale quanto la gente che vi lavora .

Punto importante della motivazione e orientamento delle risorse è la chiarezza degli obiettivi. Per questo motivo annualmente il Presidente definisce ( ed informa gli  associativi ed il personale, con modalità che rendano evidente l’attività di comunicazione ) gli obiettivi quantitativi, chiari, condivisi, calati in tutti i livelli organizzativi ed associati a traguardi temporali.

 

Il Presidente

15.05.19